Il corpo umano è la proiezione della nostra coscienza. Parte II

Deepak Chopra nel suo libro  How to Know God, racconta una storia che illustra perfettamente quanto il corpo umano sia un prodotto della nostra coscienza.  Un suo amico, durante un allenamento in palestra, si ferì a un piede con un attrezzo a cui non era abituato. Il dolore aumentava ogni giorno di più fino a rendergli estremamente difficile camminare, così in seguito a un accertamento medico venne rilevato che si fosse procurato un comune disturbo chiamato fascite plantare, in cui il tessuto connettivo tra il tallone e il dorso del piede aveva subito uno stiramento o uno strappo.  

L’amico decise di non farsi operare, ma di affrontare con difficoltà la situazione; ben presto però il dolore fu talmente insopportabile che per disperazione si rivolse a un terapeuta cinese. Questi era all’apparenza ordinario e senza segni di doni mistici o spirituali o di guarigione. L’amico ferito di Deepak Chopra racconta:

“Dopo aver gentilmente sentito il mio piede, si alzò e tracciò qualche segno in aria dietro la mia colonna vertebrale. Di fatto non mi ha mai toccato e quando gli chiesi cosa stesse facendo, mi ha semplicemente risposto che stava semplicemente ruotando alcuni interruttori nel mio campo energetico. Fece questo per un minuto o giù di lì e poi mi chiese di alzarmi in piedi. Lo feci e non avevo più alcuna sensazione di dolore, nemmeno vago. Ricordiamo che vi arrivai zoppicando a malapena, quasi impossibilitato a camminare.”

Egli continua:

“Nel totale stupore gli chiesi cosa avesse fatto. Mi rispose che il corpo è un’immagine proiettata dalla mente, in condizioni di salute la mente mantiene questa immagine intatta e bilanciata. Tuttavia, le ferite e il dolore possono distorcere la nostra attenzione sull’area affetta. In tal caso l’immagine del corpo inizia a deteriorarsi; il suo schema energetico si compromette e si ammala. Il guaritore ripristina lo schema corretto e ciò avviene istantaneamente, sulla parte in cui la mente stessa del paziente è responsabile di mantenerla in quello stato.”

Da questa testimonianza possiamo desumere come la realtà funzioni ad intermittenza ed entra ed esca dall’esistenza innumerevoli volte al secondo, oscillando tra forma e vacuità (formlessness). La fisica quantistica sa che i nostri pensieri e credenze influenzano la realtà quantica, che è la sorgente del mondo materiale. Quindi è naturale dedurre che esista una sorgente di energia senza forma per tutta la creazione, inclusa la nostra fisicità.

E’ indubbio che dobbiamo iniziare a considerarci più che corpi fisici. In verità è molto più coerente pensare a noi stessi come campi di energia luminosa auto organizzati in un corpo, o come pura coscienza manifesta che fa una temporanea esperienza in questo livello di realtà attraverso i nostri corpi. Nuove evidenze mostrano chiaramente che la nostra mente non è localizzata ed è indipendente dal cervello, cioè essa non ha bisogno del cervello o del corpo per esistere.  [1]

Siamo molto di più di ciò che pensiamo ed infinitamente più di quanto ci è stato fatto credere. Il prossimo passo da fare per la nostra evoluzione umana è di imparare ad usare ed affinare questo potere per influenzare la realtà e manifestare letteralmente ciò che vogliamo, direttamente fuori dal campo, da un nuovo punto di vista, verso una nuova vita.

Ma come riuscirci?

Guarisci il tuo Campo, Guarisci il tuo corpo

La guarigione si ottiene purificando la nostra energia, affinché non vi siano ostruzioni a monte della proiezione energetica del nostro corpo. Solo così i nostri atomi e molecole possono allinearsi perfettamente alla struttura matrice, perché non vi sarà alcuna interferenza energetica a corrompere l’immagine del nostro corpo proiettato dalla coscienza.

Possiamo riuscirci quando accediamo allo spazio interiore, al di là dei nostri pensieri, in cui le nostre credenze non possono più influenzare la nostra realtà, poiché quando non pensiamo, siamo anche liberi da convinzioni e aspettative. Attraverso questa attitudine ci allineiamo progressivamente ai principi universali, conformando la nostra energia con le energie provenienti direttamente dal campo delle infinite possibilità, quelle energie ad alta frequenza quali Amore, benevolenza, ispirazione, gioia, compassione ecc.

Il primo passo è considerare la possibilità che noi non siamo solo energia, ma che vi sia energia infinita intorno a noi  a cui possiamo coscientemente attingere, per promuovere guarigione nei nostri corpi e menti, e diventare più felici, in salute, vibranti e creativi. Appena iniziate a connettervi all’infinita energia della creazione ed alla vostra vera natura di energia senza forma, inizierete a diventare consapevoli di come queste energie vi rimandino la proiezione del vostro corpo nel suo stato naturale.

La proiezione del nostro corpo può essere corrotta da una perturbazione nel nostro campo energetico – la nostra coscienza – causata da pensieri ed emozioni distorti, e convinzioni limitanti. Il nostro campo luminoso di energia è naturalmente vibrante e la nostra energia fluisce naturalmente senza impedimenti come potente flusso di coscienza, ma i livelli più bassi di coscienza, entro i quali siamo stati condizionati a vivere come parte del nostro indottrinamento sociale, corrompono questo flusso che, se fosse lasciato libero di scorrere, esprimerebbe la sua perfezione in ogni aspetto della nostra vita.

Vi è anche un’altro concetto chiave da comprendere, e cioè che il nostro corpo si rigenera continuamente. In un’intervista  Deepak Chopra ha puntualizzato che gli atomi non invecchiano. Non muoiono, e gli stessi atomi che esistevano all’epoca del big bang circa 14 miliardi di anni fa esistono ancora, alcuni di essi sono dentro di noi.

Ogni anno il 98% degli atomi del nostro corpo sono scambiati con “nuovi” atomi. Noi moriamo costantemente e costantemente rinasciamo e ci trasformiamo letteralmente a livello atomico e molecolare. Ogni tre giorni abbiamo un nuovo rivestimento nello stomaco, ogni mese una nuova pelle, ogni tre mesi un nuovo scheletro. Ed ogni anno abbiamo quasi interamente un nuovo corpo.  (Deepak Chopra da Living Beyond Miracles conWayne Dyer).

Deepak Chopra ha dato una bellissima descrizione, dicendo che i nostri atomi sono come gli uccelli migratori. Non sono permanenti e sono completamente indipendenti, e si dirigono attraverso lo spazio e il tempo organizzandosi in strutture come i nostri corpi per mezzo di null’altro che il nostro campo energetico, il quale li organizza come fa un campo magnetico con  la limatura di ferro; è solo un po’ più complesso.

Quante altre prove ci servono per iniziare a considerare il nostro corpo in modo diverso e ad osservare il meccanismo della salute sotto una nuova luce?

Nessuna materia grezza che forma il nostro corpo fisico può decadere, inoltre, essa cambia in continuazione. Allora, cosa cambia? Qual è la forza che rimanda indietro questi atomi e molecole alla sorgente e si assicura che essi continuino a fare il loro lavoro in modo perfettamente armonioso, anche mentre le nostre cellule ed atomi stanno migrando a miliardi?

Il nostro corpo non è ciò che realmente siamo. Il corpo è solo la proiezione di ciò che crediamo di essere. Se potessimo scoprire di essere pura coscienza, e che in realtà siamo pura coscienza, consapevolezza creativa e infinita che si manifesta nella realtà fisica e co-crea la realtà insieme ad altri aspetti di noi stessi, allora potremo iniziare a prendere il completo controllo del nostro corpo, salute e vita.
Dolori cronici, disfunzioni, malattie o vecchie ferite presenti nel corpo, in realtà non sono nel nostro corpo, ma nella nostra mente. Più precisamente, essi sono una funzione della nostra percezione. I nostri atomi e molecole cambiano continuamente, ma così come nuovi atomi e molecole sono formati, e noi ci muoviamo dentro e fuori dall’esistenza, il nostro campo energetico dispone dove essi devono andare, cosa fare e come allinearsi l’un l’altro.

Quindi se nella nostra coscienza sono codificate informazioni di disfunzione, malattia, dolori e ferite queste resteranno impresse nel nostro campo energetico e da lì esse si manifesteranno nella nostra fisiologia.

In tal caso non solo la nostra salute è completamente sotto il nostro controllo, ma anche il grado di invecchiamento può essere sotto il nostro controllo. Non significa che possiamo essere immortali, cosa che di fatto siamo già, in quanto esseri di coscienza infinita, ma in un prossimo futuro gli esseri umani potranno realizzare l’abilità di vivere in corpi longevi, gestendo pienamente dal campo energetico la durata del corpo di manifestazione, con la consapevolezza di esseri luminosi di pura energia.

Allora gli esseri umani realizzeranno che il corpo è la manifestazione del Sé Superiore e potremo non solo manifestare qualsiasi cosa nella nostra vita, ma anche nei nostri corpi. Un giorno arriveremo a rigenerare continuamente i nostri corpi, poiché vivremo dal livello del campo dell’infinita energia e in tal modo i nostri corpi opereranno a una frequenza più alta che ci permetterà di vivere in essi, finché la nostra opera sarà compiuta e solo allora sceglieremo di lasciarli.

Fantastico, vero? Certamente. Ma questi cambiamenti possono iniziare a essere visibili nel corpo e nella mente umana solo dopo un po’ di pratica e costante allenamento, quindi sarebbe opportuno iniziare a farne esperienza imparando a meditare. Infinite evidenze dimostrano che questa è la via. L’unico ostacolo che impedisce di attingere a questa natura dell’universo è la nostra consapevolezza, il nostro livello di attenzione e le nostre convinzioni e credenze.

La nostra capacità di guarire è direttamente connessa al nostro livello di attenzione e di convinzioni. Ad esempio possiamo guarire da qualsiasi afflizione, malattia, disturbo o ferita, nella misura possibile per noi, solo se abbiamo l’assoluta certezza, sentiamo di sapere, che saremo guariti.  Ciò si ottiene direttamente accedendo al livello fondamentale di realtà attraverso la profonda meditazione.

Al livello fondamentale di realtà tutto è possibile e la ricostruzione della realtà è interamente dettata dalle nostre credenze ed aspettative. Siamo pura energia e vi è infinito potenziale in questa energia. Ciò che scegliamo di manifestare nelle nostre vite e nei nostri corpi è interamente nelle nostre mani.

Non vi sono limiti e nulla è impossibile. Sono solo le nostre credenze che determinano ciò che possiamo o non possiamo fare.

Testo estratto, tradotto e riadattato a cura di LaLucediGaia

fonti:

http://www.zengardner.com

 – [1] Exploring the Nature of Mind and our Holographic Brain, from http://www.projectglobalawakening.com/2014/03/29/nature-of-mind/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...